Schema idrico Ionico-Sinni

Il più complesso e importante presente sul territorio lucano

Ionico Sinni

Descrizione

Lo schema idrico Ionico-Sinni assicura l’alimentazione idrica a uso plurimo a un vasto territorio, comprendente l’arco jonico della Basilicata e della Puglia, il Salento e parte dell’area nord-orientale della Calabria (area di Castrovillari); fanno parte dello schema l’invaso di Monte Cotugno sul fiume Sinni, le traverse del Sarmento (affluente del Sinni), dell’Agri e del Sauro, e l’invaso del Pertusillo sul fiume Agri.

Le opere costituenti lo schema idrico Ionico-Sinni sono le seguenti:

  • Diga di Monte Cotugno
  • Traversa Sarmento
  • Traversa Agri
  • Traversa Sauro
  • Adduttore del Sinni
  • Adduttore Ginosa-Invaso di San Giuliano
  • Adduttore Sarmento-Sinni
  • Adduttore Sauro-Agri
  • Adduttore Agri-Sinni Canale destra Agri
  • Diga del Pertusillo

L’adduttore Sinni e Ginosa – San Giuliano

L’adduttore del  Sinni adduce acqua dalla Diga di Monte Cotugno, in agro del Comune di Senise (PZ), e si sviluppa lungo l’arco ionico per circa 133 chilometri, fino alla zona orientale del tarantino, distribuendo acqua per uso irriguo, potabile ed industriale. E’ in esercizio da oltre trent’anni e non è stato mai  fermato.

E’ composto da una condotta principale del DN 3000 in parte realizzata con tubazioni in c.a.p. e parte in acciaio, oltre a due tratte di canale a cielo aperto della lunghezza complessiva di circa 17 chilometri. Lungo il percorso sono dislocate n. 12 torri piezometriche, n. 2 vasche di Carico e n. 1 una vasca di ripartizione. In agro del Comune di Ginosa (TA) è ubicato il Centro di Telecontrollo e Telecomando dal quale è possibile monitorare ed eseguire manovre  di regolazione delle portate sull’intero adduttore e sulle derivazioni. Lungo il percorso sono infatti dislocate n. 33 derivazioni oltre alla condotta San Giuliano, realizzata per addurre acqua anche alla diga di San Giuliano, in agro di Matera, e a due vasche consortili.

Oltre alle torri piezometriche, vasche di carico e derivazioni sopra descritte, l’adduttore è dotato di n. 38 sfiati, n. 14 scarichi principali, n. 31 scarichi secondari di cui n. 9 in campi pozzi e n. 13 impianti di protezione catodica


Galleria immagini

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Ionico Sinni

Documenti e link

Documenti allegati:
Opzioni di stampa:
X
Torna su